Il Vincotto deriva dalla lenta cottura del mosto d’uva cotto e del vino. Ridotti insieme, raggiungono la consistenza di uno sciroppo denso completamente analcolico.

La tradizione del Vincotto nel Salento, il tacco d’Italia, risale fin ai tempi degli antichi Romani quando costoro usavano ridurre il mosto d’uva per poterlo meglio conservare e trasportare; ma è dal 1863 che vi si diffonde ampiamente la produzione del Vincotto in concomitanza con l’aumento della produzione vitivinicola. A cause delle tecniche di produzione non perfette del tempo, il vino tendeva ad andare “spunto”, iniziava cioè a diventare aceto, e perciò, per salvarlo, lo si ribolliva lentamente con il mosto d’uva cotto ottenendo dopo una lunga cottura il Vincotto. Un prodotto questo, che essendo derivato dal vino, mantiene inalterate tutte le proprietà salutistiche e organolettiche tipiche dei vini rossi. Il valore aggiunto del Vincotto Salentino in definitiva, risiede proprio nella fermentazione del buon vino da cui deriva, processo base di tutti i prodotti più prestigiosi della tradizione italiana.

Il mosto cotto d’uva viene chiamato ‘cuettu’ nel dialetto locale, ed è un prodotto dai mille usi e adatto a tutta la famiglia: anche ai bambini e agli anziani in ragione delle sue proprietà salutistiche.

1

Cosa c’è nel tuo carrello

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi